Mun Tips

The ultimate guide straight from partecipants
Back to all tips

Il linguaggio del corpo durante un MUN: l’uso delle mani

Durante la tua simulazione ti capiterà spesso di fare discorsi e di parlare con gli altri delegati in lingua inglese: è uno dei modi a tua disposizione per vivere l’esperienza del MUN a pieno.
La capacità di comunicazione è dunque una delle skill più importanti che dovrai mettere in pratica, insieme alla necessità di collaborare con gli altri delegati durante le unmoderated suspension. Ti potrebbe capitare ad esempio di presentare delle risoluzioni. Potresti anche essere un chair.

La comunicazione, come ci insegnano i semiotici, non è solo verbale, mediata tramite parole espresse con più o meno chiarezza, in un modo più o meno articolato e con un tono più o meno deciso. Secondo recenti studi, infatti, durante un processo linguistico il 60% della comunicazione avviene in maniera non verbale.

Comunichiamo utilizzando non solo le parole, ma anche gli occhi, il viso, le braccia, le gambe, le mani e tutto il resto del nostro corpo che, costantemente, trasmette segnali che influenzano i nostri ascoltatori.

L’importanza della prossemica (linguaggio del corpo) permette, a coloro i quali sono in grado di interpretare i segni inviati dal nostro corpo, di rendersi conto se chi abbiamo di fronte dice il vero o il falso, se è aggressivo o passivo, interessato o disinteressato. A volte, questi segnali sono sintomatici di qualche stato d’animo, nonostante vadano inseriti sempre in un contesto specifico.

Immaginiamo una scena.

Il delegato cinese informa il corrispettivo siriano circa l’intenzione di utilizzare il veto per evitare un intervento nel paese promosso da altri Stati membri. Se il delegato della Siria incrociasse le mani non significherebbe che la decisione cinese non gli sia di gradimento poiché il contesto è chiaramente a suo favore.
Ma al contrario, se il delegato degli Stati Uniti d’America affermasse che sono intenzionati a imporre sanzioni sulla Siria lo stesso gesto avrebbe come significato quello di mettersi sulla difensiva.

In questo articolo vedremo la comunicazione non verbale delle mani. Solitamente le più facili da controllare e forse anche le più evidenti a chi ascolta.

Posizione delle Mani:

1. Palmi rivolti verso l’alto

Fin dall’antichità le persone hanno mostrato il palmo della loro mano per dimostrare immediatamente di non essere armati e di non voler far del male a nessuno. Anche oggi, quando qualcuno vuole dichiararsi innocente, mostrare la sua sincerità, o creare fiducia all’interno di un gruppo, il gesto di mostrare il palmo della mano è quello più appropriato.
Durante i tuoi discorsi o mentre lavori durante la simulazione puoi avvalerti di questa tecnica per creare consenso e coesione all’interno del gruppo mostrando i palmi della mano quando parli delle motivazioni per cui il tuo paper sia il migliore, o del perché la tua nazione si comporta in quel modo, o ancora perché gli altri delegati dovrebbero supportare e votare a favore della tua proposta.

L’effetto opposto avverrà se dovessi nascondere i palmi della mano durante un discorso o durante una conversazione. I delegati potrebbero pensare tu stia nascondendo qualcosa o che tu non sia del tutto onesto circa le tue intenzioni.

2. Palmi rivolti verso il basso

Utilizzare i palmi rivolti verso il basso durante i discorsi o i lavori diplomatici all’interno della simulazione otterrà l’effetto di proiettare autorità su coloro i quali ascoltano o lavorano con te. Solitamente quando le persone cercano di imporre il proprio punto di vista i loro palmi sono rivolti verso il basso.
Quando si utilizza questa gestualità durante un discorso pubblico fra pari bisogna essere molto cauti poiché si potrebbe generare, in coloro che ci ascoltano, un effetto antagonista e una sensazione di nervosismo.
In sintesi se è vero che utilizzare i palmi verso il basso dimostra sicurezza e autorità, è anche vero che può essere interpretato come aggressivo e dominante.

3. Puntare il dito

In molti paesi del mondo è considerato estremamente maleducato puntare il dito contro qualcuno. Il nostro suggerimento è quindi quello di non utilizzare questa gestualità. In politica viene associata con aggressiva, bellicosa e maleducata. Specialmente durante la tua esperienza nel Model United Nations nel quale i tuoi discorsi sono direttamente indirizzati al Chair, puntare il dito su un gruppo di delegati o un singolo individuo è al 99% una cattiva idea.
In uno studio scientifico 8 soggetti diversi hanno utilizzato le tre gestualità analizzate fino ad ora per fare lo stesso discorso ed i risultati sono stati sorprendenti: l’84% dei partecipanti aveva ottime opinioni riguardo agli speaker che usavano i palmi delle mani in alto, mentre solo il 28% dei soggetti testati dava opinioni positive per gli speaker che usavano puntare il dito durante il proprio discorso.

4) Toccare le dita fra loro

Durante un discorso toccare le dita andando a formare una piccola O può essere una buona mossa mentre si sta parlando di un piano dettagliato. Utilizzando questo gesto darai ritmo al tuo discorso e raggiungerai l’effetto di dare importanza a specifiche parti del tuo discorso risultando deciso, ma non aggressivo. Questo gesto dà l’idea di un discorso ragionato e preciso.
Chi utilizza questa tecnica viene spesso definito preciso, conciso e il proprio discorso intelligente e orientato all’obiettivo.

5) Stringere la mano

Anche se non comune in tutte le culture, stringere la mano è considerato il saluto più comune a livello internazionale. Per questo motivo è imperativo che tutti i delegati dei Model UN si stringano la mano. Ovviamente la stretta di mano deve essere ferma e decisa per mostrare sicurezza e decisione. Un consiglio? Prova la stretta di mano con i tuoi amici e impara a dosare la forza. Questo semplice gesto sarà la prima impressione che anche il tuo Chair, insieme ai delegati, avranno di te.

Per capire quanto sia importante dare una buona stretta di mano possiamo complicare la situazione inserendo una regola fondamentale. E’ opportuno che durante una stretta di mano ci sia l’equilibrio fra le parti. Provate a notare se la persona che vi sta davanti, mentre vi dà la mano, ha il palmo verso l’alto o verso il passo, ed è quindi dominante o passivo.

Nel caso in cui il vostro interlocutore cerchi a tutti i costi di avere il palmo in alto, potete sentirvi liberi di utilizzare l’altra mano per coprire la sua o di muovere l’angolo del suo gomito per riequilibrare la situazione.

Durante la tua prossima conferenza prova ad utilizzare queste tecniche per dar maggior forza ai tuoi discorsi, per esercitare la tua leadership e per dimostrarti più aderente al ruolo che andrai a ricoprire durante la simulazione MODEL UN.

    I accept Privacy Policy & Conditions

Corso Vittorio Emanuele II, 184, 00186 Rome
+39 06 45491270 +39 06 86212253
info@consules.org

Gen 2019 NEW YORK WIMUN•New York
Feb 2019 NEW YORK NHSMUN•New York
Mar 2019 ROME MUN•Rome
Mar 2019 MADRID WorldMUN•Madrid
Mar 2019 / Apr 2019 NEW YORK NMUN•New York
Mar 2019 NEW YORK Middle School MUN•New York
Mag 2019 NEW YORK HSMUN•New York